Poggio

RIVIERA DEL CONERO TURISMO

via Peschiera 30, 60020 Sirolo (AN)

Tel. +39 (0) 719332270/Fax +39 (0) 719338294

Mail: info@conero.info

Poggio belvedere EST
il_poggio_delle_armonie_10

Cosa sapere su Poggio

Il Poggio è una località della Riviera del Conero alle pendici del Monte Conero e domina la famosa Baia di Portonovo.

Il Poggio è un piccolo borgo ricco di storia, per la  sua posizione geograficamente strategica garantiva la difesa militare agli  attacchi delle popolazioni provenienti dall’Adriatico, baluardo difensivo durante il Medioevo dagli attacchi di Pirati e Saraceni che approdavano sulla costa marchigiana.

Il Poggio appartiene infatti al sistema difensivo medievale della città di Ancona, denominato Castelli di Ancona; in quest’ambito, insieme a VaranoMassignanoNumana e Sirolo, ebbe nel Medioevo e fino al 1532 la funzione di difendere il tratto costiero meridionale del territorio anconitano.

Il Poggio è situato sulle falde occidentali del Monte Conero o Monte d’Ancona, all’interno del parco regionale del Conero; insieme alla vicina Massignano è sempre stata legata ad attività tipiche di montagna: la ceduazione, le cave di pietra, i rimboschimenti, la produzione di carbone. La vicinanza con i boschi è stata importante anche per ciò che riguarda il folclore e le usanze.

Il prestigio del Poggio è messo in mostra  nell’antica Chiesa di Santa Lucia, risalente all’anno mille in stile romanico.

La chiesa sorge nel punto più alto del paese, dal quale è possibile ammirare il panorama stupendo che regala la Riviera del Conero. Infatti orientando lo sguardo verso nord non è impossibile non apprezzare la bellezza della famosa spiaggia di Mezzavalle e del Trave.

Consigli di viaggio

Cosa vedere a Poggio

Chiesa medievale di Santa Lucia,

Chiesa di San Biagio, con il pregiato organo rinascimentale,

Monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale

Sentieri del Monte Conero che partono dal Poggio

Traversata del Monte: vicino all’Osteria del Poggio si prende un sentieri che corre lungo il lato occidentale del Conero;

Sentiero dei Gigli: il sentiero parte nei pressi del campo sportivo di Poggio ed attraversa parte delle vecchie cave dove diversi anni fa si estraeva la pietra del Conero;

Sentiero delle Grotte Romane: inizia dalla parte sud del campo sportivo di Poggio e attraversa gran parte del bosco del Conero per terminare all’ingresso delle Grotte Romane;

Anello del Poggio: il sentiero parte dalla chiesa di San Biaggio e conducono alla valle del torrente Boranico, attraversando campi coltivati. 

Dove dormire

Notizie e curiosità

cop

A Pian dell’Acqua per il foliage più bello delle Marche: un’escursione immersi in un bosco rosso, accompagnati da un torrente fino alle Cascate dell’Orrido

WhatsApp Image 2021-11-18 at 09.22.55

Da Pintura di Bolognola fino al Rifugio Garulla: un trekking semplice nei Sibillini, tra i colori del bosco e il panorama sulle colline marchigiane

Monte San Vicino

Suggestiva escursione nella zona del Monte San Vicino: da Braccano fino all’Abbazia di Roti, attraversando la spettacolare Gola della Jana

Escursione nel Montefeltro alla scoperta dell’antica Citta’ del Sole: da Carpegna fino al Sasso Simone per ritrovare un posto antico e magico, circondato da panorami

spettacolare escursione nella Riserva Naturale del Monte San Vicino 6

Tra querce secolari e i colori del foliage, da Pian dell’Elmo fino a Elcito: una spettacolare escursione nella Riserva Naturale del Monte San Vicino

WhatsApp Image 2021-10-05 at 10.15.45

Trekking nelle Marche: da Frontignano fino alle vette dei Monti Sibillini

borgo fantasma di Cossonino

Ghost Trekking nelle Marche: alla scoperta di Cossinino, borgo fantasma che nasconde un’antica e misteriosa epigrafe

urbino

Le 2 città d’arte assolutamente da visitare nelle Marche

WhatsApp Image 2021-09-13 at 14.33.04 (1)

Una delle escursioni più affascinati e misteriose nel cuore dei Sibillini: dall’eremo di San Leonardo verso il Tempio della Sibilla

WhatsApp Image 2021-09-07 at 14.57.13

Affreschi e simboli enigmatici a Santa Maria a Piè di Chienti: arte e mistero in una delle chiese antiche più importanti delle Marche