Eremo della Santa Croce di Fonte Avellana

Esplora
Eremo della Santa Croce di Fonte Avellana

Cosa sapere su Eremo della Santa Croce di Fonte Avellana

Storia del monastero di Fonte Avellana:

Le origini di questo antico luogo di culto delle Marche vanno a coincidere con l’inizio dell’anno 1000, proprio quando un gruppo di eremiti si volle costruire delle celle per dormire e pregare in una delle parti più verdi e spirituali delle Marche.

Quello che colpisce è la grande spiritualità di questo piccolo gruppo di eremiti, che desideravano il contatto con Dio, vollero immergersi nel silenzio e nella pace della natura, influenzati da San Romualdo di Ravenna.

La figura di San Romualdo nelle Marche è cara perché padre della congregazione benedettina camaldolese. Molte chiese romaniche delle Marche hanno avuto battesimo da parte di questa importante e carismatica figura.

Cosa Visitare a Fonte Avellana:

Nel monastero o eremo di Fonte Avellana, l’ambiente più prezioso dal punto di vista culturale è lo SCRIPTORIUM SAN PIER DAMIANI. Questa era la sala dove i monaci amanuensi si ritrovavano per studiare e soprattutto scrivere su pergamena testi classici. Questi Monaci erano chiaramente devoti alla regola benedettina, ora et labora..

Questo Scriptorium ha la caratteristica di essere l unico nelle Marche originale e puro, non avendo avuto mai bisogno di ritocchi o opere di restauro.

Appena si entra in questo ambiente si ha la strana e magica sensazione di ritornare in quelle atmosfere silenziose, sacre e meditative.

Curiosità sull’eremo:

All’interno del monastero vi è un’antica chiesa dove i monaci benedettini celebravano messe e pregavano. Questo ambiente ha la particolarità di conservare una temperatura costante di 18, 20 gradi. È stato pensato appositamente per ripararsi dal freddo dell’inverno,  che in quei tempi poteva essere letale.

Come arrivare a Eremo della Santa Croce di Fonte Avellana

In auto da Ancona proseguire per Genga, poi per Sassoferrato e di seguito per Serra Sant’Abbondio.