Montemonaco

PRO LOCO – MONTEMONACO

Piazza Risorgimento, 2

63048 Montemonaco (AP)

Tel: 0736 856411

Cosa sapere su Montemonaco

Montemonaco è una piccola località montana dei Sibillini, che funge da appoggio e stazionamento per visitare i Sibillini.
Montemonaco è quindi un appoggio logistico per pernottare e quindi scoprire le varie parti e itinerari della zona dei Sibillini.
Montemonaco è uno dei posti più misteriosi delle Marche e della zona dei Sibillini. Questo suo fascino misterioso è legato al mito della Sibilla che dà il nome a questo fantastico posto delle Marche.
Secondo la leggenda da queste parti viveva una SIBILLA, una sorta di profetessa o medichessa che aveva poteri magici e sapeva curare utilizzando erbe e rimedi naturali. Tanta e varia la letteratura che si è occupata dal Medio Evo di questa leggenda, anche perché sono legate alla presenza di questa Sibilla Cumana, le gesta e le avventure di un cavaliere alla ricerca di questa magica entità.
I due testi storici più conosciuti e famosi sulla leggenda della Sibilla sono: IL GUERIN MESCHINO di ANDREA DA BARBERINO, opera del 1409, e LA PARADISE DE LA REINE SYBILLE di ANTOINE DE LA SALE del 1420.
Ancora oggi nelle vicinanze di Montemonaco, presso il rifugio Sibilla, si può salire tramite un percorso di media difficoltà sino alla grotta che la leggenda attribuisce alla Sibilla: è rimasto un piccolo canale fra le rocce, all’interno la grotta è crollata da anni, ma in passato molti avventurieri provarono a svelare cosa ci fosse.
A parte la leggenda, Montemonaco e la zona circostante dei Sibillini restano un posto meraviglioso per quanto riguarda i colori e le forme del territorio, e per le varie escursioni che si possono fare in qualsiasi stagione.
E regna comunque questo un’atmosfera strana, che sa di antico e di magico.

Consigli di viaggio

Escursioni organizzate a Montemonaco: 

Monte Fata, Grotta della Sibilla, Laghi di Pilati, Gola dell’infernaccio, Pizzo del Diavolo, Monte Vettore, Passo Cattivo, Valle Scura, Monte di Morte.

Località da visitare vicine a Montemonaco:

Foce, Montefortino, Ascoli Piceno

Abbazia di Santa Maria in Potenza

La costruzione risale agli inizi del XII secolo, e venne fondata dai Monaci Crociferi, un ordine che nasce in Terra Santa e che in quegli anni era molto famoso (ad oggi non esiste più). Venne costruito con l’idea di poter ospitare ed assistere i pellegrini che si dirigevano verso il Santuario di Loreto, la Terra Santa ed altri luoghi di importanza religiosa. Pensate che la sua imponenza è testimoniata anche dall’intervento che papa Onorio III che riconobbe nel luogo un punto di riferimento per molti pellegrini. Durante il governo dei territori da parte di Federico II i monaci di dedicarono alla bonifica di queste zone costruendo strade e ponti, il luogo è rimasto nel tempo punto di riferimento, accolse nel 1184 anche papa Lucio III, ad oggi conserva la loggetta a colonne e la cripta, bellissimi dipinti ed un abside spettacolare.

Lungomare di Porto Recanati

Bellissima è la spiaggia di Porto Recanati dove ci si può rilassare in una zona organizzata con stabilimenti balneari o in ghiaia. In tutta la zona è servita di ottimi ristoranti con molti prodotti del posto ed è stupendo per poter fare una passeggiata al mare e a pochi passi dal centro. Pensate che il lungomare è confinato dalla bellissima macchia verde della pineta Volpini e dal Monte Conero uno spettacolo suggestivo.

Castello Svevo 

La data di costruzione del Castello Svevo di Porto Recanati risale secondo alcuni al 1229. In quell’anno Federico II di Svevia donò le terre sul quale si trova il comune di Recanati. Come molte altre fortezze federiciane, fu costruito con funzione difensiva.  Gli attacchi dei pirati e in particolare dei Turchi accomunavano infatti tutta la costa adriatica. Sopra le mura, si può ancora vedere il camminamento di ronda con feritoie, utilizzato per la guardia dall’alto. Il portale di entrata aveva il ponte levatoio ed alla struttura originaria fu aggiunto nel 1404 un fossato riempito d’acqua proveniente dal fiume Potenza con un canale ad hoc. [Continua a leggere qui…]

Come arrivare a Montemonaco

Da Nord e da Sud Prendere l'autostrada A14 (da nord in direzione di Ancona e da sud in direzione di Napoli), seguire la direzione San Benedetto del Tronto/Ascoli Piceno, continuare su RA11, uscire in direzione Roma, imboccare la SS 4, continuare sulla SP 237, attraversare Roccafluvione, Ropaga e proseguire in direzione Montemonaco. Da Ascoli Piceno Prendere la SP 235, proseguire in direzione della SS 4, continuare sulla SP 237, attraversare Roccafluvione, Ropaga e proseguire in direzione Montemonaco.

Si può raggiungere la stazione ferroviaria di Ascoli Piceno e proseguire in autobus con le autolinee Mazzuca. Per consultare gli orari dei treni visitare il sito web delle Ferrovie dello Stato www.ferroviedellostato.it/.

Autolinee Mazzuca www.mazzuca.it/

Gli aeroporti più vicini a Montemonaco sono quelli di: Aeroporto di Perugia situato a circa 71 km Aeroporto di Ancona Falconara situato a circa 79 km Aeroporto di Pescara situato a circa 87 km