Brodetto alla fanese | Marche travelling

Brodetto alla fanese

Lungo la costa adriatica marchigiana il brodetto di pesce è una vera e propria istituzione, e sono tante le città che custodiscono gelosamente una ricetta che, seppur concettualmente simile alle altre, presenta delle particolarità tradizionali. Ecco allora che da sud a nord potrete trovare il brodetto alla sambenedettese, il brodetto di Porto Recanati, il brodetto all’anconetana, il brodetto alla senigalliese e il brodetto alla fanese.

Proprio Fano è una delle patrie di questa prelibata zuppa di pesce e qui non risulterà difficile gustare un buon brodetto. D’altronde questo è un piatto povero che nasce dal mare, dalle imbarcazioni dei pescatori che da secoli navigano nei pressi della costa fanese. Nel tempo la preparazione del brodetto si è affinata, la preparazione si è certamente fatta più complessa – anche nella scelta delle materie prime –, ma questo piatto mantiene ancora in tutto e per tutto la sua anima marinara.

La ricetta del brodetto alla fanese prevede l’utilizzo di prodotti freschi proveniente rigorosamente dalle vicine acque dell’Adriatico, suddivisi tra crostacei, pesci e cefalopodi (la lista precisa è piuttosto lunga e controversa, e può variare a seconda delle preparazioni).

La preparazione comincia facendo soffriggere in un tegame aglio e cipolla, cui sarà aggiunto del concentrato di pomodoro. Poi è il momento del pesce – precedentemente pulito con cura –, da inserire solitamente intero e seguendo i tempi di cottura delle singole qualità. Il tutto, bagnato con acqua e aceto e condito con sale e pepe, sarà dunque lasciato cuocere per circa 15-30 minuti, in modo che il pesce sia ben cotto.

A parte sarà servito in accompagnamento del pane ben tostato, per gustare appieno il delizioso sughetto che si verrà a creare.