Corsa alla Spada e Palio di Camerino | Marche travelling

Corsa alla Spada e Palio di Camerino

La Corsa alla Spada e Palio di Camerino è una delle rievocazioni storiche più conosciute delle Marche.

Durante il mese di maggio, in concomitanza con le celebrazioni per il patrono di Camerino, San Venanzio (18 maggio), per circa due settimane la città fa un balzo nel passato e torna ad indossare la sua antica ed elegante veste medievale, richiamando alla memoria in particolare i fasti vissuti con la lunga e prospera signoria dei Da Varano, protagonista per diversi secoli delle vicissitudini e dello sviluppo del territorio.

Le prime testimonianze su giochi e tornei tenuti in onore di San Venanzio risalgono addirittura al XIII secolo, e mostrano l’antichità e l’importanza di questa tradizione. Tradizione che fu ripresa nel 1982, quando si decise di dar nuova vita a questo storico momento di aggregazione per la comunità camerte.

Tante sono le situazioni e le cerimonie che si susseguono in questi giorni di maggio, che cominciano con la notturna offerta dei ceri e culminano con la Corsa alla Spada e il Palio, a cui partecipano i tre Terzieri della città: Di Mezzo, contraddistinto dai colori dai colori verde e nero e dall’emblema del ceppo legato, Muralto, in bianco e azzurro e come emblema delle spighe di grano, e Sossanta, dai colori rosso e bianco con l’emblema della colomba.

Ma in cosa consiste la Corsa alla Spada? Si tratta di una gara di corsa che si snoda lungo un impegnativo percorso di circa 1300m, cui prendono parte trenta partecipanti – dieci per Terziere – in costume. Il vincitore della corsa avrà in premio la spada, mentre il palio sarà vinto dal Terziere i cui membri avranno ottenuto i migliori piazzamenti.

La festa prevede però molti altri momenti che la rendono speciale, dalla sfilata del corteo del palio alla disfida degli arcieri, e poi numerose attività ludiche, spettacoli, mostre e i profumi e sapori delle taverne e delle osterie.