NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский
NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский

Una delle principali attrattive naturalistiche delle Marche sono i Monti Sibillini.

Questa zona, a cavallo tra la provincia di Fermo, Macerata ed Ascoli Piceno, rappresenta il centro magico delle Marche.

Monti Sibillini
Lo spettacolo dei Monti Sibillini

Territorio affascinante per la bellezza delle verdi e rotonde forme delle cime, e per la sua storia: regno di Sibille e Cavalieri.

Per vivere al meglio questa zona di montagna delle Marche vi consigliamo un’escursione particolare, dedicata a chi piace osare il trekking a 2000 m. di altezza, proprio dove osano le aquile.

escursione nei monti sibillini

Camminare in cresta è un’esperienza adrenalinica e forte, si è circondati dal mondo, si riesce a scrutare addirittura il mare il lontananza e le regioni confinanti.

Escursione in cresta consigliata per vivere al massimo lo spettacolo e la magia dei Monti Sibillini

L’escursione che vi consigliamo parte a ridosso del Monte Prata, a poca distanza dallo stupendo borgo medievale di Castelsantangelo sul Nera.

Superato infatti il paese, che vi consigliamo di visitare, si arriva dopo pochi km ad un comodo parcheggio proprio sotto il Monte Prata.

Vi ricordiamo che questa escursione è consigliata a camminatori esperti, che non soffrano di vertigini.

Ha una durata di circa 5 ore (andata e ritorno).

salita dei Monti Sibillini

Dal parcheggio si comincia a salire per raggiungere due stupende vette dei Sibillini: Sasso Borghese e Monte Porche. Il tratto più affascinante è proprio quello che collega i due picchi, e ci troviamo su altezze che oscillano tra i 2100 mt e i 2300 mt.

Camminare sul sentiero in cresta che porta a Palazzo Borghese, quindi sul vicinissimo Sasso Borghese, è un’esperienza veramente emozionante: si ha la sensazione di trovarsi sulle nuvole per poi ammirare tutto il panorama circostante.

Potrai spaziare la tua visuale dalla famosa Castelluccio, borgo della vicina Umbria, a tutte le altre cime dei Sibillini. Vi consigliamo di scattare foto  da Sasso Borghese in direzione dei laghetti sottostanti che durante la primavera si formano!

Da Sasso Borghese la camminata in cresta prosegue fino alla più alta cima del Monte Porche.

Qui potrete addirittura trovare dei tratti di neve, se decidete di fare il percorso in primavera.

Sarà dura la salita fino alla cima del Monte Porche, ma ne varrà la pena visto il panorama infinito che vi troverete a godere lassù.