L’itinerario dei presepi artistici | Marche travelling

L’itinerario dei presepi artistici

Il 2023 celebra gli 800 anni dalla realizzazione del primo presepe della storia, allestito da San Francesco a Greccio, piccolo borgo in provincia di Rieti, nel 1223.

Una tradizione molto antica quindi, che nel territorio marchigiano è ancora forte e radicata, tanto da dar vita a presepi che possono essere considerati delle vere e proprie opere d’arte.

Sono senza ombra di dubbio dei piccoli gioelli i presepi del maestro Andrea Pistolesi, che da tempo espone le sue creazioni interamente realizzate a mano.

E per quest’anno particolare, le sue opere potranno essere ammirate all’interno di luoghi ormai consuetudinari e di cornici d’eccezione.

Qui vi proponiamo una mappa dei presepi artistici di Pistoiesi all’interno della regione.

Punto di partenza non può che essere la XIV Mostra dei Presepi Artistici di Monte San Giusto, ospitata presso il Museo di Palazzo Bonafede e attiva dal 5 dicembre 2023 al 28 gennaio 2024 (pre-festivi: 15.30 – 19.30; festivi 10.00 – 13.00/15.30 – 19.30; per info 320 7092549). In questo borgo da secoli saldamente legato alla cultura del presepe, prendono vita anche quest’anno le statuine e le ambientazioni realizzate da Andrea Pistolesi e Cesare Ciccalè, capaci di raccontare tanto su questa antica tradizione ma anche sulla riscoperta delle radici rurali del territorio.

 

L’itinerario può proseguire a Macerata, con la mostra “L’Arte presepiale nelle Marche”, allestita presso l’affascinante Basilica della Madonna della Misericordia in Piazza San Vincenzo Maria Strambi dal 9 dicembre 2023 al 14 gennaio 2024. Sono qui presenti i presepi artistici dei maestri marchigiani Andrea Pistolesi e Simone Tamburrini.

 

Risalendo le Marche e addentrandosi sempre di più nell’entroterra, le opere di Pistolesi hanno poi trovato per il periodo natalizio 2023/2024 due location veramente eccezionali: le Grotte di Frasassi e il Tempio del Valadier.

Le Grotte di Frasassi, luogo a dir poco suggestivo, ospiteranno per la prima volta – fino al 9 gennaio – un presepe. Un’idea nata dalla professoressa Melissa Sciacca che ha dato vita ad un’atmosfera incantata dove la bellezza dell’allestimento abbraccia la maestosità di questo contesto naturale più unico che raro.

Non è da meno l’esposizione all’interno del bellissimo Tempio del Valadier, dove è possibile osservare sei teche e diorami.