NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский
NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский

La Chiesa di Santa Maria a mare di Torre di Palme, un tesoro artistico raro affacciato al panorama più bello delle Marche

Ti trovi nel piccolo borgo di Torre di Palme, uno dei bellissimi paesi delle Marche affacciati sul mare. Qui incontri sia il fascino della storia antica, che la bellezza della natura: c’è un panorama sul mare ovunque tu ti trovi. Potrai notare la presenza di chiese antiche, anche piuttosto vicine tra loro. La loro presenza crea un sentimento strano nel visitatore: quel senso di mistero dovuto ad un’atmosfera medievale e mistica. La Chiesa più importante da visitare è Santa Maria a mare, situata proprio sulla piazzetta panoramica di Torre di Palme, dove solitamente si viene per ammirare un panorama. 

La Storia

Ha un aspetto sobrio esternamente, ma in realtà rappresenta un tesoro della storia dell’arte delle Marche. Proviamo a presentarvela. Occorre partire dall’Alto Medioevo per parlare un po’ della storia di Santa Maria a mare. Qui nel secolo XI, gli Eremiti di Sant’Agostino abitavano nel convento dove ora sorge la casa parrocchiale. La prima chiesa fu costruita intorno al XII secolo. Ma ancor prima c’era un luogo di culto dedicato a San Pietro, e all’interno si possono notare gli antichi resti, nel battistero e nelle colonne dell’abside.
Santa Maria a mare risale quindi ad un periodo che va dal XI al XIII secolo.

L’esterno

 Quest’edificio medievale si presenta con una struttura composta e non omogenea che la rende unica ed incredibilmente suggestiva. L’ingresso principale presenta una sobria facciata in mattoni e pietra arenaria del seicento, con un semplice portale con timpano, sovrastato da un oculo. Collegata a questa facciata c’è una struttura risalente al XII secolo, in stile romanico, realizzata in mattoni di cotto e decorata in alto da archetti. Il lato est è il più antico mentre il lato nord, l’attuale ingresso, è realizzato con conci di pietra e laterizi che producono la classica bicromia romanica. Al centro della facciata si può ammirare un portale timpanato del ‘500. Il lato ovest è formato da due diversi corpi annessi a quello principale: la Cappella del Sacro Cuore, in stile neogotico e la sagrestia. Il lato sud, tutto in laterizio, è incorniciato dalle due monofore e termina con una torre campanaria del XIV secolo. Splendenti bacini in maiolica del XIV secolo decorano la facciata e il campanile. La torre campanaria ha un padiglione e quattro monofore che si affacciano sui quattro punti cardinali; il sottotetto è decorato da archetti pensili.

L’esterno

 Quest’edificio medievale si presenta con una struttura composta e non omogenea che la rende unica ed incredibilmente suggestiva. L’ingresso principale presenta una sobria facciata in mattoni e pietra arenaria del seicento, con un semplice portale con timpano, sovrastato da un oculo. Collegata a questa facciata c’è una struttura risalente al XII secolo, in stile romanico, realizzata in mattoni di cotto e decorata in alto da archetti. Il lato est è il più antico mentre il lato nord, l’attuale ingresso, è realizzato con conci di pietra e laterizi che producono la classica bicromia romanica. Al centro della facciata si può ammirare un portale timpanato del ‘500. Il lato ovest è formato da due diversi corpi annessi a quello principale: la Cappella del Sacro Cuore, in stile neogotico e la sagrestia. Il lato sud, tutto in laterizio, è incorniciato dalle due monofore e termina con una torre campanaria del XIV secolo. Splendenti bacini in maiolica del XIV secolo decorano la facciata e il campanile. La torre campanaria ha un padiglione e quattro monofore che si affacciano sui quattro punti cardinali; il sottotetto è decorato da archetti pensili.

L’interno

La parte più suggestiva di Santa Maria a mare è all’interno. Un vero di libro di storia dell’arte per gli appassionati della materia. Innanzitutto, si viene colpiti dalla sua struttura, e da varie tipologie di affreschi. La zona del presbiterio non ha absidi perché l’attuale presbiterio è costituito dalla navata della chiesa duecentesca, di cui restano solo tre arcate a sesto acuto, decorate e sovrastate da un motivo ad archetti. L’interno della Chiesa di Santa Maria a mare, a pianta rettangolare, è diviso in tre navate da un colonnato in gesso neoclassico. La struttura originaria resta solo nel transetto, in posizione sopraeleva rispetto alle navate. Se porti lo sguardo verso l’alto noterai spettacolari dipinti di tema mariano, rappresentano forse la punta di diamante di questo luogo di culto. Il presbiterio è costituito da tre campate che si aprono verso l’aula con tre archi ogivali ed è sorretto da due colonne di foggia; la colonna di sinistra con capitello decorato a foglie d’acanto, sostiene la torre campanaria; la colonna di destra, in mattoni, è simile alle semicolonne sulle pareti di fondo al presbiterio.

Numerosi sono gli affreschi che ornano la chiesa di Santa Maria a mare. Sulle pareti del presbiterio affiorano tracce molto importanti della pittura nelle Marche dal XIV al XVI secolo: a sinistra San Sebastiano; in alto la Madonna con due angeli attribuiti a Paolo da Visso.
A sinistra dell’altare affreschi di scuola umbra del XIV secolo; nell’arcosolio della tomba del priore, spiace una Madonna con Bambino tra Santa Caterina d’Alessandria e San Paolo. Infine, il volto di Sant’Andrea, sulla parete sinistra, attribuito ai Salimbeni di San Severino Marche (XV sec.)
Sulla parete sinistra del presbiterio si ravvisa una raffigurazione della Madonna di Loreto e poi ancora la traslazione della Santa Casa di Loreto; Santa Lucia, San Nicola da Tolentino, San Francesco e Santa Caterina d’Alessandria (secc. XV-XVI).
Al centro della campata c’è un rocchio di colonna di tempio pagano adibito a fonte battesimale. Sul presbiterio è raffigurato San Francesco con le stimmate e altri due santi.

Dove mangiare e gustare vini tipici marchigiani

Evoè Wine Bar & Bistrot

Ricercata esperienza di delizie culinarie tra calici, mare e poesia. Percorrendo a piedi le strette viuzze del suggestivo castello medievale di Torre di Palme, uno dei Borghi più Belli d’Italia, e pochi passi prima che la vista si apra a perdita d’occhio sul mare, si trova Evoè Wine Bar & Bistrot.

 

In questo incantevole angolo di storia, mossi da vera passione per i prodotti di qualità, Marco e Letizia aprono le porte di Evoè con la missione di offrire una ricercata esperienza eno-gastronomica servita con la tutta la genuinità dell’ospitalità marchigiana.