La Contesa del Secchio | Marche travelling

La Contesa del Secchio

Disputata dal 1953, ma figlia di una tradizione con radici secolari, la Contesa del Secchio di Sant’Elpidio a Mare è considerata la più antica rievocazione storica delle Marche.

Prende luogo ogni anno la seconda domenica di agosto, richiamando alla memoria collettiva un avvenimento del 1401. Si dice infatti che all’epoca, vista la continua crescita della comunità cittadina, fu deciso di costruire un pozzo nella piazza principale di Sant’Elpidio a Mare, al fine di semplificare l’approvvigionamento d’acqua degli abitanti del borgo. La frequente necessità di attingere al pozzo creò però continue dispute tra le varie contrade, con quotidiani episodi di caos e disordine. Per dirimere le questioni si decise dunque di dar vita alla Contesa del Secchio, una sfida singolare e divertente tra le quattro contrade della cittàSan Giovanni, Sant’Elpidio, Santa Maria e San Martino – che avrebbe decretato annualmente una classifica per l’ordine di utilizzo del pozzo.

Ma in che cosa consiste la Contesa del Pozzo? A grandi linee, questo gioco potrebbe essere descritto come antenato della moderna pallacanestro. Scopo della partita è infatti quello di centrare, con una palla di stoppa e cuoio, il pozzo, raggiungendo il maggior numero di punti possibile (punti che sono aggiunti e tolti anche in base ad altre regole).

Le quattro contrade, per un totale di sei partite da dieci minuti ciascuna, si danno battaglia la domenica pomeriggio, incoraggiate da un tifo sfrenato proveniente dalle tribune, anch’esse vestite a festa.

Il cerimoniale della Contesa del Pozzo comincia però ben prima delle partite in piazza. Già il sabato le contrade della città si animano, pronte a questo tuffo nel passato tra allestimenti particolari e momenti ricorrenti quali la rituale lettura del Bando, l’arrivo in Piazza delle Contrade e delle Delegazioni Foranee o l’elezione dei Capitani del Popolo. Le strade cominciano ad accogliere nobili e popolani, musici di altri tempi e sbandieratori pronti a mettere in scena sventolanti coreografie.

Insomma, una rievocazione storica coi fiocchi.

Altri episodi ricorrenti si svolgono la domenica mattina, fino ad arrivare al Giuramento dei quattro Capitani delle Contrade e all’inizio vero e proprio della contesa. E una volta conclusa… si festeggia fino a tarda notte, tra vinti e vincitori.

Uno spettacolo da non perdere!