Pinacoteca Comunale di Massa Fermana | Marche travelling

Pinacoteca Comunale di Massa Fermana

La piccola Pinacoteca Comunale di Massa Fermana, allestita presso i locali del Palazzo Comunale, raccoglie al suo interno opere di primo piano nel panorama della storia dell’arte marchigiana.

Qui è possibile osservare i lavori di importanti artisti del territorio come Vincenzo Pagani, nato a Monterubbiano intorno al 1490, Giovanni Andrea de Magistris, originario di Caldarola e Durante Nobili, cui si aggiungono alcuni arredi sacri provenienti dall’ex convento di San Franceso e un bel bassorilievo in cartapesta policroma.

Vero tesoro della Pinacoteca di Massa Fermana è però la prima opera autografa nelle Marche di Carlo Crivelli, precedentemente custodita presso la chiesa dei SS. Lorenzo, Silvestro e Ruffino e conosciuta come Polittico di Massa Fermana.

Datato 1468, il polittico è suddiviso in tre ordini: uno principale di maggiori dimensioni, uno superiore composto da tre cuspidi e una predella inferiore.

L’ordine più ampio dell’opera è a sua volta diviso in cinque pannelli. Il pannello centrale vede raffigurata la Madonna col Bambino, mentre i quattro laterali le figure dei santi Giovanni Battista, Lorenzo, Silvestro e Francesco.

Nella parte superiore la cuspide centrale mostra una raffigurazione delle Pietà, mentre in quelle laterali è “spezzata” la scena dell’Annunciazione.

Nella predella è invece possibile osservare quattro scene che raccontano momenti della vita di Cristo, l’Orazione nell’orto, la Crocifissione, la Flagellazione e la Resurrezione, soggetti inusuali nella produzione artistica del Crivelli.

Un’altra opera “crivellesca” è però esposta presso la pinacoteca, una Madonna con Bambino e Angeli realizzata da Vittore Crivelli, fratello di Carlo molto attivo sul territorio marchigiano.