NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский
NederlandsEnglishDeutschItalianoРусский

Spiritualità e Mistero presso il Santuario della Madonna dell’Ambro: cosa fare in questo luogo magico dei Sibillini

C’è una zona nei Sibillini molto particolare per via della bellezza che si può ammirare e per l’atmosfera intrisa di spiritualità che si può sentire. Ci troviamo nei pressi di Montefortino, uno dei borghi medievali in provincia di Fermo, dove le Marche si tingono del verde dei boschi, e si ergono le vette più imponenti dei Sibillini. Sto parlando della valle che accoglie il Santuario di Santa Maria dell’Ambro. Questa è una di quelle zone assolutamente da visitare ed esplorare delle Marche, poiché mettono insieme spiritualità, bellezza, e possibilità di fare trekking e semplici passeggiate. 

 Il Santuario di Santa Maria dell’Ambro è una vera e propria dimora dei sensi, luogo di pace incastonato in una stretta valle tra i Monti Priora e Castel Manardo. Accanto a tale importante luogo di culto, scorre il torrente Ambro, veloce e spumeggiante tra rocce spigolose che brillano con la luce del sole. Vi elenchiamo qui le cose assolutamente da fare, in questo posto ricco di magia, e anche un po’ misterioso.

Come arrivare al Santuario della Madonna dell’Ambro

Il Santuario della Madonna dell’Ambro si trova a pochi km da Montefortino. Ben indicata la sua presenza durante il vostro viaggio in auto, si arriva facilmente ad un grande parcheggio. Scesi dall’auto noterete meravigliati come la chiesa sia racchiusa dall’incanto di una valle, e protetta dai picchi talvolta innevati delle montagne. Sembrerà di trovarsi all’interno di un quadro impressionista con tanti colori e sfumature di verde. Sul posto sono presenti hotels, ristoranti e bar.

Cose da fare presso il Santuario della Madonna dell’Ambro

1. Visitare il Santuario della Madonna dell’Ambro

C’è una leggenda che sta dietro alla costruzione di questa antica chiesa della zona dei Sibillini. Molti secoli fa, intorno all’anno Mille, una pastorella di nome Santina, muta dalla nascita, ebbe l’apparizione di una figura di donna davanti alla cavità di un faggio, dove era posta un’effige alla Madonna. Questa donna aveva lineamenti aggraziati e vestita con un abito bellissimo. La donna la incaricava di riferire ai sacerdoti del vicino paese di Montefortino di erigere una chiesa a lei dedicata. Questa chiesa avrebbe donato guarigioni e grazie a chi fosse giunto in preghiera e devozione. 

“A lei Santina, fù donata la voce!” Visitando la chiesa, si ha subito la sensazione di un luogo di grande energia e sacralità. Le mura sono riempite di interessanti affreschi, che ricordano il miracolo accaduto a Santina. In fondo alla chiesa è poi possibile ammirare la cappella costruita proprio dove avvenne l’apparizione. Oltre che una statua di una gioiosa Madonna, questa area posteriore della chiesa è stata completamente affrescata da Martino Bonfini di Patrignone. In questa tribuna sono possibili ammirare anche dei particolari affreschi di Sibille. Tali dipinti, per alcuni esoteristi e studiosi, sembrerebbero nascondere un messaggio occulto. Per approfondire tale tema vi consigliamo di leggere il romanzo esoterico di Enrico Tassetti: La Sibilla Pastora.

2. Passeggiare a fianco del torrente fino alla Cascata dell’Ambro

Subito dopo il Santuario, tenendosi sulla sinistra, si può fare una semplice camminata seguendo il torrente Ambro. Si viene letteralmente catturati dalla bellezza del posto: la vista dei colori del bosco e delle montagne circostanti, l’odore che sprigionano i fiori e gli alberi, il rumore suadente dell’acqua che scorre, rappresentano un cocktail afrodisiaco che può solo deliziarti. Anche se la cosa che potrà maggiormente attrarre la tua attenzione sarà l’acqua del torrente che impatta sulle rocce, creando un effetto cromatico suggestivo di spume e lucentezza. 

Dopo qualche minuto, arriverai alla famosa Cascata dell’Ambro. Un luogo di estrema bellezza: una cascata di pochi metri che crea una vasca di acqua limpida dove talvolta riescono a specchiarsi i monti circostanti. Sembra di trovarsi in un posto paradisiaco, che ricorda un po’ le Dolomiti. Si trova proprio vicino alla Cascata un’effige della Madonna, dove molti pellegrini e credenti vengono a pregare. Questo posto è stato frequentato da sempre come luogo di preghiera e devozione, anche da precedenti popolazioni di origini celtica e pagana. Ci troviamo quindi in un luogo di grande bellezza e spiritualità.

3. Trekking dalla Madonna dell’Ambro fino a Campolungo

In questa zona, oltre che semplici passeggiate adatte a tutti, sono possibili intraprendere escursioni di trekking anche per camminatori più o meno esperti. Vi consigliamo in particolare il percorso che porta fino a Campolungo. È un sentiero ben segnalato che sale proprio dietro il Santuario: una leggera salita di circa 2 ore, perlopiù in mezzo al bosco, con un dislivello di circa 400 m vi porterà in zona panoramica, dove potrete godere dall’alto di stupendi panorami sulla valle, e sulle principali vette dei Sibillini.  Si ritorna al Santuario ripercorrendo la stessa strada dell’andata.

Dove dormire

Da visitare nei dintorni

Montefortino

Il piccolo borgo si trova in provincia di Fermo, tra i Monti Sibillini. Nel territorio di Montefortino ricadono anche le Gole dell’Infernaccio dove alla fine dell’avventurosa camminata si rimane incantati dalla cascata nascosta e dall’eremo di San Leonardo al Volubrio.

Amandola

Amandola è una affascinante cittadina della provincia di Fermo che poggia sopra tre colli dell’alta valle del Tenna che prendono i nomi dai castelli che vi erano presenti fin da prima la sua nascita: Agello, Leone e Marrubbione. Storia e cultura.

Sarnano

Il centro storico di Sernano, di origini medievali e sorge in un’incantevole valle ai piedi dei Monti Sibillini, nella provincia di Macerata. Immersa nei verdi boschi circostanti è attraversata da numerosi sentieri che è possibile percorrere a piedi, a cavallo o in montain bike.

A cura di Vito Rocchi

a cura di vito rocchi